Torna alla Home-Page


Home              Contattaci              Regolamento per gli autori e per chi vuole collaborare              Ultimi aggiornamenti nel sito

 


Ricordando Carl Sagan nel 10° anniversario della scomparsa

DOVE VA PIONEER 10 CON IL SUO MESSAGGIO?

Pioneer 10 fu lanciato il 2 marzo 1972 da un razzo Atlas/Centaur/TE364-4. Il lancio vide per la prima volta l'utilizzo di un veicolo di lancio a tre stadi.
Il terzo stadio era necessario per lanciare Pioneer 10 alla velocità di 51810 km/h richiesta per il volo verso Giove. Questa velocità ne fece l'oggetto più veloce costruito dall'uomo a lasciare la Terra, sufficiente per raggiungere la Luna in 11 ore e incrociare l'orbita di Marte, alla distanza di circa 80 milioni di km di distanza, soltanto 12 settimane dopo.


Pioneer 10 in costruzione


Il 15 luglio 1972, Pioneer 10 è entrato nella Cintura degli Asteroidi. Gli oggetti della cintura si spostano a grande velocità e la loro grandezza varia dal granello di polvere alla roccia grande come l'Alaska. Dopo aver attraversato senza inconvenienti la Cintura degli asteroidi, Pioneer 10 si è diretto verso Giove.

L'accelerazione dovuta alla massa di Giove ha aumentato la sua velocità fino a oltre 11 km al secondo. Ha sorvolato le nubi gioviane il 3 dicembre del 1973.
Durante il passaggio vicino a Giove Pioneer 10 ha ottenuto le prime immagini ravvicinate del pianeta , ha scoperto la presenza di intense fasce di radiazioni, localizzato il suo campo magnetico e scoperto che Giove è stato un pianeta liquido. Dopo il suo incontro con Giove, Pioneer 10 ha esplorato le regioni esterne del Sistema solare, studiando le particelle energetiche provenienti dal Sole (il vento solare) e i raggi cosmici che raggiungono il ramo della Via Lattea dove ci troviamo.

E'
il primo oggetto creato dall'uomo a lasciare il Sistema Solare il 13 giugno 1983, quando ha oltrepassto l'orbita di Nettuno (che era il pianeta più distante dal Sole in quel momento, a causa dell'eccentricità dell'orbita di Plutone).

Il 31 marzo 1997, quando formalmente la missione era finita, Pioneer 10 era a 10 miliardi di km dalla Terra. A questa distanza, un segnale radio che viaggiasse alla velocità della luce impiegherebbe 9 ore e 43 minuti per raggiungerci.

Originariamente progettata per una missione di 21 mesi, la sonda è risultata attiva per più di 30 anni.

Non verranno fatti ulteriori sforzi per cercare di localizzare la sonda, perché si ritiene che la sua fonte di energia sia danneggiata. "Dopo 32 anni di servizio - ha commentato il responsabile della missione, Larry Lasher, nel centro Nasa di Amer Research - è stata una performance più che onorevole per uno strumento inizialmente progettato per durare appena 21 mesi".

Il Pioneer 10 sta seguendo la direzione verso la stella Aldebaran, nella costellazione del Toro. Impiegherà più di 2 milioni di anni per raggiungerla.

Pioneer 10 (e anche Pioneer 11) portavano un messaggio grafico inciso su una placca in oro anodizzato di cm 15 X 23, incastrata (come si vede nella foto) nella struttura delle sonde, ideata dallo scienziato Carl Sagan.


Un messaggio per chi?


Articoli correlati

Carl Sagan Un messaggio per chi? Pale Blue Dot Dove va Pioneer 10 con il suo messaggio?
Contact Indice Bioastronomia www.carlsagan.com Io ho conosciuto Carl Sagan (interviste)
 

Coordinamento: Pasqua Gandolfi
Copyright Astrocultura UAI  2006