Torna alla Home-Page


Home              Contattaci              Regolamento per gli autori e per chi vuole collaborare              Ultimi aggiornamenti nel sito


Ricordando Carl Sagan nel 10° anniversario della scomparsa


IO HO CONOSCIUTO CARL SAGAN...

intervista a BRUNO MORETTI e CLAUDIO MACCONE

Bruno Moretti, radioamatore IK2WQA, giornalista scientifico freelance e divulgatore varesino, astrofilo da una vita, è membro italiano del Team SETI del SETI Institute, membro del Consiglio Direttivo di IARA, Italian Amateur Radio Astronomy, direttore del SETI ITALIA Team G. Cocconi e dell'Osservatorio Astronomico Carl Sagan di Castelletto Ticino (NO) ed è iscritto al CICAP.
Socio UAI collabora alla Sezione di Ricerca Radioastronomia.

Proprio nel mese in cui ricorre il 10mo anniversario della morte del suo amico Carl Sagan, ha ricevuto il SETI SuperStar Award

Intervista di Pasqua Gandolfi, consigliere UAI, a Bruno Moretti IK2WQA su Carl Sagan

Pasqua Gandolfi: Bruno, quando hai incontrato Carl Sagan?
Bruno Moretti: Nel maggio del 1990 per puro caso.
In un ristorante di Pasadena in California me lo sono trovato seduto al tavolo di fianco al mio.
Non ci avevo neanche fatto caso.
Quando il cameriere l'ha chiamato "Doctor Sagan", mi sono girato, mi sono accorto che era lui in carne ed ossa, e a momenti mi viene un colpo!
A quel tempo il mio inglese era peggiore di adesso.
A cavarmi d'impaccio è stata la mia compagna dell'epoca (astrofila pure lei ed italo-americana) che ha attaccato bottone a Carl dicendo che io ero un "italian astronomer" (sfacciatamente senza aggiungere "amateur"), suo grande ammiratore e che volevo fare la sua conoscenza.
Con un "I love Italy" (io amo l'Italia) generosamente Carl ci ha invitati al suo tavolo.
Notato il mio gilet con il nominativo da radioamatore ricamato a punto catenella, Carl mi ha chiesto se mi interessavo al SETI, la famosa ricerca di segnali radio provenienti da eventuali civiltà extraterrestri.
Sempre utilizzando la mia compagna come interprete gli ho risposto, imbarazzatissimo, che sapevo benissimo cos'era il SETI, ma non avevo un... radiotelescopio!
A quei tempi SETI@home e il calcolo scientifico distribuito erano ancora di là da venire.
Avendo letto il suo libro del 1974 "The cosmic connection" (ver. it.: Contatto cosmico) gli ho chiesto quante probabilità c'erano che il Pioneer con la famosa "targa di Sagan" venisse ritrovato da qualche ET.
Carl, sorridendo, mi ha risposto canticchiando "Bruno, I'm a dreamer, but I'm not the only one" (Bruno, io sono un sognatore, ma non sono il solo) il ritornello della splendida "Imagine" di John Lennon e mi ha spiegato che la "targa di Sagan" era utile soprattutto per divulgare l'idea del SETI ai terrestri, non certo perché sperasse che il Pioneer venisse ritrovato da alieni, partendo dalla considerazione in base alla quale si calcolano in miliardi i meteoroidi da un metro cubo presenti in un sistema planetario.
E una sonda con le batterie scariche è un meteoroide da un metro cubo!

Pasqua Gandolfi: Avete parlato solo di SETI?
Bruno Moretti: In campo astronomico sì.
Ma io ammiravo moltissimo Carl come epistemologo propugnatore e divulgatore della razionalità, dello scetticismo e della cultura scientifica.
Carl Sagan, oltre ad essere stato uno dei fondatori di The Planetary Society, la più grande associazione mondiale di astrofili, con Isaac Asimov e Paul Kurtz è stato uno dei fondatori dello CSICOP, Committee for the Scientific Investigation of Claims of the Paranormal (comitato per l'investigazione scientifica delle affermazioni del paranormale, quello che poi in Italia, grazie al collega Piero Angela, è diventato il CICAP) e del Council for Secular Humanism (consiglio per l'umanesimo laico), una delle più grandi organizzazioni mondiali di atei e agnostici.
Io, che ero e sono membro, oltre che di The Planetary Society, sia dello CSICOP che del Council for Secular Humanism, ho spostato il discorso su questo argomento.
Carl ha iniziato con una affermazione bellissima: "Porsi degli interrogativi occupa il posto dell'elemento più pesante nella Tavola Periodica."
Io gli ho ricordato i due noti aforismi latini: "Dubitando ad veritatem pervenimus" e "Ubi dubium, ibi libertas".
Poi, mettendo parzialmente in crisi la mia interprete con la velocità della sua parlata, Carl si è lanciato in una appassionata "filippica" sull'importanza dello scetticismo non solo in campo scientifico, ma in tutti i campi con particolare riferimento al campo politico e a quello militare.
Per molti versi Carl ha prefigurato a grandi linee i contenuti di "The Demon-Haunted World. Science as a Candle in the Dark" (ver. it.: Il mondo infestato dai demoni. La Scienza e il nuovo oscurantismo), ultimo suo libro nonchè testamento epistemologico, scritto quando il cancro aveva già comiciato ad aggredire il suo organismo.
"Il mondo infestato dai demoni" dovrebbe essere un testo scolastico fin dalle medie, se aneliamo ad un futuro migliore per l'umanità.
Occorre imparare fin da piccoli la razionalità, altrimenti non dobbiamo stupirci di ritrovarci con adulti irrazionali, fondamentalisti, clienti di vannamarchi, UFOti & affini.
Sono proprio gli UFOti quelli che deprezzano il SETI scientifico.
Perchè nell'immaginario collettivo del vulgus anche noi veniamo confusi con loro.

Pasqua Gandolfi: Hai qualche particolare in più sul vostro incontro?
Bruno Moretti: Sì. E anche piuttosto scabroso per l'ipocrisia dei "bempensanti".
Riguarda un aspetto della vita di Carl e di sua moglie Ann Druyan pochissimo conosciuto in Italia.
Verso la fine del pranzo, Carl Sagan, notoriamente pacifista nonviolento senza se e senza ma, ha avuto parole durissime sulla commistione fra scienza, politica e industrie degli armamenti.
Alludendo a politici e militari padroni della guerra io, rivolgendomi in italiano alla mia compagna, sono saltato fuori con un ingenuo: "Dovrebbero farsi una canna!"
Nonostante la pedatina che gli ho tirato sotto il tavolo, la mia compagna tutta giuliva ha tradotto.
Non ho fatto in tempo a pensare "Ma guarda 'sta bischera che figure mi fa fare!" che Carl... ridendo... mi ha dato ragione! Dichiarandosi poi antiproibizionista convinto e, lasciandomi totalmente sbalordito, aggiungendo che lui e la moglie amavano la cannabis indica e ne erano fumatori abituali! E che la nicotina è nociva perchè alza la pressione mentre il tetraidrocannabinolo la fa diminuire!
Solo molti anni dopo ho scoperto sul web l'articolo di Carl Sagan "Mr. X" del 1969.

Pasqua Gandolfi: Non l'hai più rivisto dopo l'incontro di Pasadena?
Bruno Moretti: Purtroppo no. Ma a Pasadena prima di lasciarci ci siamo scambiati gli indirizzi.
Carl mi ha scritto tre bellissime lettere e io ne ho mandate a lui cinque.
Purtroppo in uno dei miei traslochi sono molto probabilmente andate perse le foto che avevamo fatto con lui. Non le trovo più.
Per mia decisione testamentaria il contenuto delle lettere verrà rivelato solo dopo che anch'io, per dirla con Voltaire, avrò "restituito il mio corpo agli elementi e sarò andato a rivitalizzar la Natura sotto altra forma".


Intervista di Bruno Moretti IK2WQA a Claudio Maccone su Carl Sagan

Claudio Maccone, fisico-matematico torinese, è uno dei più importanti scienziati SETI a livello mondiale.
Ha lavorato per molti anni all'Alenia Spazio, collabora con l'Istituto di Radioastronomia dell'INAF e con il programma SETI Italia ed è membro a vita dell'Accademia Internazionale di Astronautica (IAA) ove è co-chair del SETI Permanent Study Group e responsabile del progetto Lunar Farside Radio Lab che prevede la costruzione di un radiotelescopio RFI-free sulla faccia nascosta della Luna.
E' membro del Consiglio Direttivo di IARA, Italian Amateur Radio Astronomy, ove ricopre la carica di consigliere scientifico e responsabile del settore SETI.
Ha ricevuto il "Giordano Bruno Award" e il "Searching for Interstellar Communications Award"
E' autore di due libri esclusivamente in inglese: "Telecommunications, KLT and Relativity" e "The Sun as a Gravitational Lens: Proposed Space Missions" e ha scritto numerosi articoli pubblicati su Acta Astronautica, organo dell'IAA.
Essendo mio caro amico da molti anni, l'ho intervistato sulla sua conoscenza con Carl Sagan nel decennale della scomparsa.

Bruno Moretti: Claudio, come e quando hai conosciuto Carl?
Claudio Maccone: Conobbi Carl Sagan la sera dell'11 ottobre 1992 in un hotel di Barstow, in California, sulla strada che va da San Bernardino al deserto del Mojave, dove ci sono le grandi antenne del Deep Space Network della NASA.
Il giorno dopo (12 ottobre 1992 = 500 anni esatti dopo lo sbarco di Cristoforo Colombo in America) la NASA avrebbe inaugurato il proprio grande programma SETI (N.d.R.: programma poi purtroppo soppresso) e Carl Sagan era l'ospite principale.
La NASA aveva organizzato ben undici pullmann di scienziati (fra i quali il sottoscritto) per partecipare all'evento.
Il programma prevedeva: partenza da Pasadena forse alle ore 12 dell'11 ottobre, cena e notte a Barstow in un hotel (a mie spese) con discorso di Carl Sagan sul SETI (dinner speech).
Poi, al mattino dopo, viaggio a Goldstone nel Mojave, innaugurazione ufficiale, pranzo al sacco e ritorno a Pasadena in tarda serata.

Bruno Moretti: Chi vi ha presentato?
Claudio Maccone: Dopo il dinner speech di Sagan, fu Don Tarter a presentarmi a lui.

Bruno Moretti: Di cosa avete parlato?
Claudio Maccone: Io girai subito la conversazione sul "Sole come lente gravitazionale" (che era il mio forte) e lui mi disse "let me understand" (tr. it.: fammi capire, spiegami) e gli spiegai che derivava dalla formula di Einstein della deflessione delle onde radio di sorgenti lontane che passino tangenti alla superficie del Sole (N.d.R.: Effetto Einstein's Cross).
La conclusione è che esse focalizzano a 550 Unità Astronomiche dal Sole.

Bruno Moretti: E Carl cosa disse in proposito?
Claudio Maccone: Sagan rimase colpito, perche` non aveva mai trattato questo argomento nei suoi libri divulgativi prima di allora.

Bruno Moretti: Avete avuto anche scambi epistolari?
Claudio Maccone: Ci scambiammo gli indirizzi.
Mesi dopo mi scrisse una lettera in proposito (allora non c'era la posta elettronica) ed io credo di aver ancora conservato la sua lettera (ma dovrei cercarla...).
Anni dopo comprai a New York il suo libro "Pale Blue Dot" (mi sembra) dove lui trattò finalmente anche di questo fenomeno per intensificare i deboli segnali di ET nel SETI, e per rispondere ad ETI con lo stesso trucco di usare il Sole come lente gravitazionale.
Solo che, non vivendo io in America, ed avendo io e Greg Matloff fatto un seminario su queste cose alla Cornell University, dove Sagan insegnava, egli nel suo libro cita Matloff a questo proposito, e non me.
Del resto, il mio libro sul Sole come lente gravitazionale non venne pubblicato per la prima volta che nel 1997, dopo la morte di Sagan (N.d.R.: il libro è "The Sun as a Gravitational Lens: Proposed Space Missions").

 

Copyright © 2006, Bruno Moretti IK2WQA

Articoli correlati

Carl Sagan Un messaggio per chi? Pale Blue Dot Dove va Pioneer 10 con il suo messaggio?
Contact Indice Bioastronomia www.carlsagan.com Io ho conosciuto Carl Sagan (interviste)

 

Istruzioni per mandare articoli e segnalazioni

 

 


Coordinamento:
Pasqua Gandolfi
Copyright UAI