Torna alla Home-Page


Home              Contattaci              Regolamento per gli autori e per chi vuole collaborare              Ultimi aggiornamenti nel sito



Fantascienza

2061: ODISSEA 3
(2061 - ODISSEY THREE)
Arthur C. Clarke


Cadere dal proprio balcone al secondo piano è un incidente stupido, soprattutto per chi aveva preso parte ad una missione dai mille pericoli come quella della Leonov. Così Heywood Floyd, ricoverato con fratture multiple e varie complicazioni, si ritrova in orbita attorno alla terra, nell'attesa che la medicina possa fornire gli strumenti adatti a curarlo. Passano quarantasei anni da quel giorno. Nel 2061 Lucifero è ormai diventato un astro familiare nel cielo terrestre, come pure in quello che si vede dalle finestre dell'ospedale orbitante Pasteur, dove l'arzillo centotreenne Floyd deve scontare le conseguenze del suo incidente. Nonostante le condizioni fisiche ottime, lo scienziato non si è mai ripreso completamente dall'incidente ed è costretto a vivere permanentemente in ambienti a gravità ridotti. Precluso il ritorno sulla Terra (dove tra l'altro più nessuno lo aspetta più: le due figlie avute dalla prima moglie erano diventate delle "cortesi estranee", mentre Caroline - la seconda moglie - e il figlio Chris "non l'avevano aspettato"), Floyd decide di imbarcarsi sulla Universe, una astronave passeggeri con una missione inedita: atterrare sulla cometa di Halley per studiarne le proprietà fisiche.

       

Nel frattempo sulla colonia umana di Ganimede lo scienziato Van der Berg scopre che il Monte Zeus, una montagna apparsa all'improvviso sulla superficie di Europa - l'ex satellite di Giove interdetto alla razza umana - non è altro che un unico e gigantesco diamante: un residuo di quello che fu il cuore del defunto pianeta Giove. Van der Berg si imbarca così sulla Galaxy, la gemella della Universe, con l'intenzione di verificare la sua ipotesi. Le storie delle due astronavi sono però destinate ad incrociarsi, come pure le vite di Heywood Floyd e di suo nipote Chris junior, imbarcato come ufficiale sull'astronave in rotta per Europa.
La Galaxy viene infatti dirottata da una misteriosa organizzazione criminale entrata in possesso delle ipotesi di van der Berg sulla reale natura del Monte Zeus. Il dirottatore costringe l'astronave ad atterrare sul pianeta proibito, nei pressi dell'imponente montagna; il ghiaccio nel luogo prescelto per l'atterraggio è però troppo sottile e si rompe sotto il peso dell'astronave. Costretta a trovare un altro punto dove discendere e a corto di carburante, la Galaxy termina la sua corsa tra le acque del neonato Mare Galileo, approdando poi su un piccolo isolotto roccioso.
Alla Universe, nel frattempo atterrata con successo sulla cometa Halley viene ordinato di iniziare una missione di soccorso.
L'equipaggio della Galaxy verrà così tratto in salvo, non prima però di aver potuto esplorare parte di quel mondo negato ad occhi umani: aver toccato con mano il diamante del Monte Zeus, visitato il relitto della Tien, visto il grande monolito lasciato a guardia di Europa e aver incontrato - seppur da lontano - i legittimi proprietari di quel nuovo pianeta.

 

<< Il monolito nero era lì, forse galleggiando nell'aria, a due metri dalla cuccetta. Con un sussulto Floyd si accorse a un tratto che aveva le stesse dimensioni di una pietra tombale. Sebbene gliel'avessero fatto notare più volte, fino a quel momento la diversità delle dimensioni aveva attutito l'impatto psicologico. Ora, per la prima volta, quella somiglianza lo turbava… gli pareva sinistra "Lo so che è soltanto un sogno, ma alla mia età non mi piace che mi si ricordi…"
"Comunque, che ci fai qui? Sei venuto a portare un messaggio di Dave Bowman? Sei tu Dave Bowman?
"Be', non è che mi aspetti una risposta; non sei mai stato un gran chiacchierone, non è vero? Però ogni volta che ti sei fatto vivo sono successe delle cose. A Tycho, sessant'anni fa, hai mandato quel segnale su Giove, per comunicare che ti avevamo trovato. E guarda che cosa hai combinato a Giove quando ci siamo andati dieci o dodici anni dopo!
"Che intenzioni hai adesso?"
>>

Una parte dello spirito di Heywood Folyd verrà rapita dal monolito durante una delle notti a bordo della Universe e si ritroverà a "galleggiare" nell'immensità del cosmo in compagnia di Dave Bowman e Hal.

<< Che cosa sarà del vero Heywood Floyd?
Siete entrambi veri. Ma lui morirà presto, e non saprà mai di essere diventato immortale. >>

Segnalazione di Luca Berti


Presentazione della sezione Fantascienza               Indietro              Continua

Indice

Copyright Astrocultura UAI  2003