Torna alla Home-Page


Home              Contattaci              Regolamento per gli autori e per chi vuole collaborare              Ultimi aggiornamenti nel sito


Astronomia

Mitologia


LA CRISTIANIZZAZIONE DELLE COSTELLAZIONI

di Pasqua Gandolfi


CROCE DI SANT'ELENA:
Figura creata da Schiller nel 1627.
Da
Atlas coelestis seu armonia macrocosmica del 1661.
Si trasformerà nell'attuale Cigno in epoca rinascimentale.


Nel 1627 venne pubblicato ad Augusta il Coelum Stellatum Christianum dell’astronomo gesuita Julius Schiller.
Quest'opera rappresentò un vera rivoluzione rispetto alla tradizione precedente sia nell'aspetto scientifico (posizione delle stelle calcolata sulle osservazioni di Brahe e di Keplero), che in quello che riguarda i nomi delle costellazioni.


Il "Cielo stellato cristiano" si proponeva di sostituire il mondo mitologico greco con quello ispirato al Vecchio e al Nuovo Testamento.
Le costellazioni zodiacali venivano denominate con i nomi dei dodici apostoli, quelle boreali e australi con i nomi dei personaggi del Nuovo e Antico Testamento.

In particolare questo è l'elenco delle costellazioni dello Zodiaco con il corrispondente sostituto cristiano, compresi i simboli che ancora oggi sono usati universalmente per indicare i pianeti, che sarebbero diventati: la chiave, la croce di S. Andrea, il calice, l'asta, il bastone, la croce, il coltello, la bipenne, la sega, la clava, la scure.

Ariete - Pietro
Toro - Andrea
Gemelli - Giacomo Maggiore
Cancro - Giovanni Evangelista
Leone - Tommaso
Vergine - Giacomo Minore
Bilancia - Filippo
Scorpione - Bartolomeo
Sagittario - Matteo Evangelista
Capricorno - Simone
Acquario - Giuda Taddeo
Pesci - Matteo


pagina del libro
Da una pagina di
Harmonia macrocosmica di Andreas Cellarius
al sito dell'Università dell'Utah e della Marriott Library


I nomi sono stati tradotti da una pagina dell’Epitome Cosmografica del 1693 di Vincenzo Maria Coronelli, cosmografo della Serenissima Repubblica di Venezia, che riporta i versi tratti da Planisphaerium Stellatum di Bartsch, versi che avrebbero dovuto servire per imparare i nuovi nomi delle costellazioni.

Anche tutte le altre costellazioni sia australi che boreali furono ribattezzate. Ecco alcuni esempi:

Nave Argo - Arca di Noè
Hidra - Fiume Giordano
Corvo, Cratere - Arca dell'Alleanza
Centauro - Abramo e Isacco
Lupo - Giacobbe
Ara - Turibolo
Corona australe - Corona del Re Salomone
Fenice, Gru - Aronne
Pesce australe - Il vaso della vedova di Sarepta
Pavone e Indiano - Giobbe
Ape, Mosca, Camaleonte - Eva
Triangolo australe - Ezechiele
Piccola nube di Magellano, Dorado, Pesce volante - Abele
Tucano, Idra e grande Nube di Magellano - Serpente sconfitto dall'Arcangelo Gabriele
Balena - Gioacchino e Anna
Eridano - Passaggio del mar Rosso
Balena : Gioacchino e Anna
Colomba - Colomba di Noè
Cane Maggiore - Re Davide
Cane Minore - Agnello pasquale
Andromeda - Sepolcro di Cristo

Dragone - Fanciulli innocenti
Ercole - I tre re santi
Cefeo - Santo Stefano
Bootes - San Silvestro
Chioma di Berenice - Flagello di Cristo
Corona boreale - Corona di spine
Lira - Presepe
Freccia - Chiodo, lancia di Cristo
Cigno - Santa Croce
Cassiopea - Maria Maddalena
Perseo - San Paolo
Auriga - Geronimo
Serpentario (Ofiuco) - San Benedetto
Serpente (di Ofiuco) - Cespuglio di spine
Corona boreale - Corona di spine
Aquila, con Ganimede - Santa Caterina
Delfino - Vaso di Cana
Cavallino - Rosa mistica
Pegaso - Arcangelo Gabriele
Triangolo - Mitra di S. Pietro
Lepre - Gedeone
Orsa Minore - San Michele
Orsa Maggiore - La barca di Pietro


Julius Schiller intendeva sostituire anche i nomi dei corpi del sistema solare:

- Il Sole, che è vita e luce, sarebbe diventato Cristo, re del cielo cristiano.

-
Mercurio sarebbe stato rinominato come Elia di Tisbi, annunciatore della nascita di Cristo e profeta del secondo Avvento, salito al cielo con un carro di fuoco.

- Venere avrebbe dovuto prendere il nome da Giovanni Battista, colui che annunciò la prossima venuta di Gesù, così come il pianeta annuncia il sorgere del Sole.

- Marte sarebbe stato sostituito da Giosuè, forte in battaglia: colui che portò il popolo di Israele verso la Terra Promessa.

- Giove sarebbe stato chiamato Mosè, prediletto da Dio e dagli uomini: il principe dei popoli che ha ricevuto i precetti direttamente da Dio



- Saturno, padre degli dei pagani che tra le stelle erranti (i pianeti) occupa il posto più alto, (a quei tempi era l'ultimo pianeta conosciuto), avrebbe preso il nome di Adamo, il capostite del genere umano.



- Rimane il satellite naturale della Terra, il secondo luminare del cielo, la Luna, che sarebbe stata la Beata Maria, la Vergine.




La rivoluzione non ebbe successo. I miti tradizionali erano troppo radicati e continuarono ad essere privilegiati anche in ambienti ecclesiastici. Rimangono le splendide e preziose tavole di Schiller del 1627 e del Cellario in Atlas coelestis seu armonia macrocosmica del 1661.



Le notizie sono tratte dal sito www.atlascoelestis.com



L'arca dell'Alleanza da una tavola di Julius Schiller


Coordinamento: Pasqua Gandolfi
Copyright UAI